< Torna alle Ricette

Calamarata con crema di pisellini novelli, punte di asparagi e San Daniele

Ingredienti per 4 persone
280 gr. di pasta tipo calamarata di Gragnano
150 gr. di pisellini novelli
1 scalogno
16 asparagi
200 gr. di prosciutto di San Daniele a fette dello spessore di 3 mm.
Olio extravergine

Il nome non vi inganni: niente calamari, solo purissimo San Daniele.
Questo piatto prende il nome dalla pasta da cui è composto, la calamarata, che per l’appunto ricorda, per la sua forma, gli anelli di calamaro. Tritate lo scalogno con una mezzaluna e rosolatelo in padella con un filo d’olio e un pizzico di sale. Versate in seguito i piselli e lasciateli cucinare con un po’ di brodo vegetale. Una volta cotti, mettetene da parte una cucchiaiata che servirà per la guarnizione e passate il resto nel mixer con olio d’oliva. Ne deve risultate una crema vellutata e liscia.
Lessate gli asparagi pelati in acqua leggermente salata e cucinate la calamarata. Quest’ultima, una volta pronta, dovrà essere spadellata con una noce di burro. Durante la cottura di questi ingredienti, tagliate a listarelle il prosciutto.
Siete ora pronti a comporre il piatto: versate al centro la crema di piselli e adagiateci sopra la calamarata; guarnite con gli asparagi, i piselli e, dulcis in fundo, le listarelle di San Daniele. Condite con un filo d’olio extravergine e servite.